E’ online da qualche giorno la settima edizione del report “Gli Immobili in Italia”, una pubblicazione che ogni due anni fotografa il patrimonio immobiliare italiano. E’ realizzata dall’Agenzia delle Entrate e dal Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia in collaborazione con il partner tecnologico Sogei. Ecco alcuni dati.

Il volume, che quest’anno analizza i dati relativi al 2016, si legge che il 75,2% delle famiglie, tre su quattro, risiede in una casa di proprietà. Nel 2016 la superficie media di un’abitazione è pari a 117 mq e il suo valore medio è di circa 162 mila euro (1.385 €/mq).

Quanto vale mediamente un’abitazione? Nel 2016, un’abitazione in Italia vale mediamente 162 mila euro, con un valore unitario di 1.385 €/mq, in diminuzione dell’1,8% rispetto al 2015. Cali superiori al 3% si osservano nel Lazio, in Liguria e nelle Marche, in Toscana i valori perdono il 2,9% mentre per Veneto e Abruzzo la flessione è del 2,5%. Sotto il 2% il calo nelle restanti regioni.

Fanno eccezione solo la Lombardia, in cui il valore delle case è rimasto stabile, e il Trentino-Alto Adige, unica regione a segnare un aumento del valore medio, +0,8%. La superficie media di un’abitazione in Italia, calcolata come rapporto tra superficie complessiva e numero di unità abitative totali, è circa 117 mq. Le Regioni con abitazioni mediamente più grandi sono l’Umbria, il Friuli Venezia Giulia e il Veneto dove la superficie media è superiore a 130 mq. Le abitazioni di dimensioni mediamente più ridotte, sotto 100 m2, si riscontrano in Valle d’Aosta e Liguria.

Nel 2016, dei 40,9 milioni che hanno presentato la dichiarazione dei redditi, oltre 25,8 milioni (il 63,1% del totale dei contribuenti) sono risultati proprietari di immobili o di quote immobiliari. I lavoratori dipendenti e i pensionati costituiscono l’82,5% dei proprietari di abitazioni (e relative pertinenze): più della metà dei proprietari risiede al Nord (50,7%), il 23,1% al Centro e il 26,2% al Sud e nelle Isole. Le donne proprietarie di abitazioni sono circa 800 mila in meno degli uomini ma in aumento rispetto al 2014.

Sei in affitto e cerchi una casa da acquistare a Rimini? E’ il momento giusto per comprare? Sulla base di molti indicatori, la risposta è sì. Soprattutto se non si hanno fini speculativi bensì per acquistare per il medio-lungo termine (15-20 anni). In sintesi:

  • I tassi per la stipula di un mutuo sono ai minimi storici
  • L’offerta dell’usato residenziale a Rimini è ottima!
  • Buona la proposta di vecchi immobili ristrutturati grazie agli incentivi fiscali
  • Il nuovo, è di grande qualità!

Insomma, c’è l’imbarazzo della scelta. Per quanto ci riguarda riteniamo che nella decisione sia fondamentale il supporto di un Agente Immobiliare abilitato con polizza assicurativa come i nostri.

Sconsigliamo vivamente di avventurarsi da soli nella compravendita perchè nel settore si incrociano tante materie (giuridiche, fiscali, edilizie, urbanistiche) per cui un errore, può davvero costare molto caro.

Condividi con...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Scopri tutte le Case in Vendita